Decentralizzare il mondo con la tecnologia Blockchain

blockchain

Blockchain

Bitcoin e criptovalute. Tutti conoscono in qualche modo questi due termini. Non c’è da stupirsi, con l’attenzione dei media che hanno ricevuto negli ultimi anni! Molto meno attenzione è stata data alla tecnologia blockchain. Ma in realtà, non ci sarebbe nulla di simile al bitcoin senza la tecnologia blockchain. Blockchain è la ragione che guida così tanti investimenti nel mercato delle criptovalute (oltre alla speculazione avida). E la blockchain è vista come una tecnologia fortemente dirompente che conquisterà numerosi mercati e settori in futuro.

Mentre Bitcoin e blockchain sono inevitabilmente collegati, in realtà Bitcoin è solo uno dei tanti casi d’uso offerti dalla blockchain. Perché in fondo, la blockchain non è altro che un database decentralizzato che può essere utilizzato per archiviare qualsiasi tipo di dati.

Questo post del blog spiega le caratteristiche chiave di una blockchain che la rendono così preziosa. Inoltre, cerca di fornire una comprensione approssimativa di come funziona una blockchain sotto il cofano. 

Decentramento

Per cominciare, immagina una blockchain come un semplice file condiviso su una rete. Ciò significa che ogni partecipante della rete ha memorizzato una copia del file. I partecipanti alla rete, cioè i computer, sono chiamati nodi. In questo testo, i termini partecipante e nodo sono usati in modo intercambiabile. In una blockchain pubblica, tutti possono semplicemente scaricare il file e diventare un partecipante. D’altra parte, in una blockchain privata, i diritti di accesso vengono assegnati seguendo determinate regole. La chiave è che non esiste un nodo superiore che possa eliminare altri nodi, il che significa che non esiste un’autorità centrale nella rete. 

Centralizzato vs distribuito vs decentralizzato ( fonte )

Consenso e fiducia

Cosa succede se i dati nella blockchain devono essere modificati? Ebbene, non può essere cambiato. I partecipanti possono solo aggiungere nuovi dati. Il modo in cui ciò è garantito verrà spiegato in seguito. Quindi, per modificare un dato in una blockchain devi specificare quel dato dato, dichiararlo obsoleto, specificare i nuovi dati e aggiungere tutte quelle informazioni alla blockchain. Quindi, una blockchain può solo crescere e memorizzare tutte le modifiche che sono state apportate ai dati originali. L’essenza di tutto ciò è che i partecipanti possono fidarsi che i dati memorizzati siano corretti.

Senza un’autorità centrale, come possono i partecipanti concordare su quale versione della blockchain è corretta? Qualcuno potrebbe semplicemente modificare i dati nella sua copia della blockchain e affermare che sia la versione corretta. Per evitare ciò, la rete utilizza un “algoritmo di consenso”. L’algoritmo di consenso può essere visto come un sistema di voto in cui tutti i nodi votano quale versione della catena è corretta. Gli algoritmi di consenso sono progettati in modo da rendere probabile che la versione corretta venga votata come versione corretta.

UN ESEMPIO

Alcune criptovalute utilizzano un algoritmo di consenso chiamato “proof-of-stake”. Con la prova di puntata, più monete della valuta possiede un nodo più conta il suo voto. L’idea è che qualcuno che possiede più monete abbia meno probabilità di avere interesse a manipolare il sistema. Per manipolare una blockchain proof-of-stake dovresti possedere più della metà di tutte le monete che ci sono, in modo che il tuo voto conti più dei voti del resto della rete.

Quando nuove informazioni vengono aggiunte alla catena, vengono convalidate in modo simile attraverso il consenso. Ciò crea fiducia tra i partecipanti ed elimina la necessità di fidarsi di un’autorità centrale. Allo stesso tempo, in un certo senso rimuove la minaccia dell’errore umano. 

Cos’è il transumanesimo ?

volto umano con struttura robotica, immagine fantascentifica

Il transumanesimo è un modo di pensare al futuro che si basa sulla premessa che la specie umana nella sua forma attuale non rappresenta la fine del nostro sviluppo, ma piuttosto una fase relativamente precoce.

Il transumanesimo è un movimento vagamente definito che si è sviluppato gradualmente negli ultimi due decenni.

Il transumanesimo è una classe di filosofie di vita che cercano la continuazione e l’accelerazione dell’evoluzione della vita intelligente oltre la sua forma attualmente umana e i limiti umani per mezzo della scienza e della tecnologia, guidate da principi e valori che promuovono la vita. – Max More (1990) Humanity + lo definisce formalmente in base alla definizione originale di Max More come segue:

Il movimento intellettuale e culturale che afferma la possibilità e l’auspicio di migliorare radicalmente la condizione umana attraverso la ragione applicata, in particolare sviluppando e rendendo ampiamente disponibili tecnologie per eliminare l’invecchiamento e per migliorare notevolmente le capacità intellettuali, fisiche e psicologiche umane. Lo studio delle ramificazioni, delle promesse e dei potenziali pericoli delle tecnologie che ci consentiranno di superare i limiti umani fondamentali e il relativo studio delle questioni etiche coinvolte nello sviluppo e nell’utilizzo di tali tecnologie.

Il transumanesimo può essere visto come un’estensione dell’umanesimo, da cui è parzialmente derivato. Gli umanisti credono che gli esseri umani contino, che gli individui contino. Potremmo non essere perfetti, ma possiamo migliorare le cose promuovendo il pensiero razionale, la libertà, la tolleranza, la democrazia e la preoccupazione per i nostri simili. I transumanisti sono d’accordo con questo, ma sottolineano anche ciò che abbiamo il potenziale per diventare. Così come usiamo mezzi razionali per migliorare la condizione umana e il mondo esterno, possiamo anche usare tali mezzi per migliorare noi stessi, l’organismo umano. In tal modo, non ci limitiamo ai metodi umanistici tradizionali, come l’istruzione e lo sviluppo culturale. Possiamo anche utilizzare mezzi tecnologici che alla fine ci consentiranno di andare oltre ciò che alcuni considererebbero “umani”.

Diventare Internet 

uomo virtuale

Esistono due tipi di persone. Alcuni amano la fantascienza, altri la odiano. La cosa grandiosa dell’argomento di questo post è che è qualcosa per entrambi i tipi di persone. Ciò che le interfacce cervello-computer renderanno possibile in futuro suona sicuramente come fantascienza oggi. Ma non è un mondo assurdo uscito da un blockbuster di Hollywood che non potrebbe mai esistere. Invece, è un mondo che si trasformerà in realtà durante la tua vita. Per darvi un’anteprima di ciò di cui parleremo qui: BCI consentirà agli umani di controllare i computer e quindi di spostare gli oggetti solo pensandoci! Come funziona un EEG? Probabilmente hai già visto qualcuno indossare una sorta di rete metallica in testa. Non per strada ma in televisione o nelle pubblicità. C’è un’alta probabilità che in realtà questa persona indossasse un elettroencefalogramma. L’elettroencefalografia è un metodo per osservare l’attività elettrica del cervello. Solo per sapere cosa significa EEG … Il neurone Quindi, ovviamente, ti chiedi come sia possibile registrare l’attività elettrica del cervello. Diamo uno sguardo alle cellule di cui è composto principalmente il tuo cervello: i neuroni. Le parti fondamentali di un neurone sono il corpo cellulare (il soma), i dendriti e l’assone. L’assone di solito collega il neurone ad altre cellule nervose e consente il trasporto degli impulsi nervosi dal corpo cellulare. I dendriti d’altra parte consentono al neurone di ricevere segnali da altri neuroni, rispettivamente dai sensi del corpo.